I mondiali offrono l’occasione per notare quanto nel calcio si siano equiparati i livelli. Esistono mezzi e strumenti, un tempo impensabili, che garantiscono studio di training e recupero delle forze, che consentono di calcolare i metri percorsi in totale e quelli percorsi ad alta velocità: 16, 18, 20, 22, 23 km/h.

Le qualità fisiche dei singoli giocatori vengono sviscerate e messe a nudo con gli attuali stati di forma a testimoniare la bontà delle scelte dell’allenatore. Studio delle potenze espresse, tradotte in termini di kw. Dati statistici che testimoniano l’andamento fisico della partita che è corrispondente a quello del risultato, ma anche alle varianti tattiche: tutti dati che vanno letti e riletti in relazione all’interpretazione della gara in base a tutte le sfaccettature.

Smart-Sports-Professional-Soccer-Launches-Data-Viz-SystemTerminata la gara si osservano i dati tecnici e le linee di gioco percorse, le linee di passaggio concordate ed espresse dai vari giocatori, il numero di passaggi riusciti e la percentuale di errore dei singoli. Si osservano inoltre la posizione media della squadra, l’indice di pericolosità su azione e su palla inattiva, l’efficacia della difesa con i tiri subiti.

La mattina del giorno dopo la gara, non si scende dal letto: bisogna ascoltare il cuore degli atleti, capire come reagisce il sistema simpatico e quello para-simpatico, lo stress prodotto e lo stato d’ansia. Pallini verdi, gialli, rossi, studiati per mesi singolarmente per capire il personale e reale stato di recupero. Dati che dicono tutto e a volte niente, perché spesso le sorti di una squadra cambiano in base agli episodi che stravolgono le partite: un tiro a filo d’erba che colpisce il palo e va dentro o fuori a seconda dell’effetto, o una punizione preparata con uno schema creato apposta per sorprendere la difesa avversaria.

Il calcio è tutto questo, tanto studio, tanti dati.

a disposizione, tante strategie messe in atto, poi c’è l’alchimia dei giocatori che giocano assieme, l’energia della squadra e soprattutto la positività o negatività prodotta negli atteggiamenti.

E la mente? Anche per la mente abbiamo dati che appaiono molto attinenti alle caratteristiche dei singolo. Un’arma in più per capire le potenzialità del carattere dei nostri giocatori. Che sia quella decisiva?

Roberto Murgita

L’articolo è stato scritto da Roberto Murgita per il nostro speciale BigData Mundial. Image Source: www.mlssoccer.com.